Scelta: di classe - L'alfabeto dell'anima di don Prospero

+39.3355871744
bonzaniprospero8@gmail.com
L'alfabeto dell'anima
di don Prospero Bonzani
www.personalismo.it
Vai ai contenuti

Menu principale:

Scelta: di classe

S > Scelta
Lc 1,46: "Ha rimandato i ricchi a mani vuote".
Tu ci presenti, Signore, il cantico del Magnificat come una collana inanellata di perle variopinte raccolte lungo il sentiero secolare dei salmi dell'Antica Alleanza. E scegli con cura, per tua Madre, quelle parole troppo ripetute per essere prese sul serio, quelle parole che invece ne fanno una "donna di classe", cioè colei che, come Te, ha scelto la "classe degli Ultimi".
Signore! Tu sai che vorrei essere amico di tutti; vorrei non fare preferenze. Ma tu non ci sei riuscito. Tu ti sei messo dalla parte di quelli che non avevano nessuno dalla loro parte.
Tu mi domandi certamente, conservando pur nell'Amore perfino per il Capo profittatore, di schierarmi e giocarmi stima, carriera, opinione dei parenti, come e più che possiamo.
Tu mi domandi di verificare i miei affetti e le mie simpatie. Lo so che gli Ultimi sono spesso briganti e pelandroni ma io non voglio sentirmi dalla parte dei "giusti".
Posso ammirare l'intelligente, mi stupisce il geniale, mi interessa il competente, mi incanta il bello, ma non vorrei vestire come loro, non vorrei parlare con la proprietà del loro vocabolario, non vorrei vivere nelle loro case luccicanti.
Non vorrei trovarmi bene in compagnia di gente "distinta", non vorrei trovarmi a mio agio nelle loro crociere, e non vorrei neppure sentirmi allineato con quei "cattolici perfetti" che conoscono perfettamente l'indirizzo di ogni verità.
Incàntaci, Signore, di quella povertà evangelica che tu hai vissuto, che Francesco ha ricopiato, che i Santi hanno inseguito, alla ricerca della vera gioia.
Incàntami, Signore, di coloro che sono Poveri di cose, ma ricchi di sogni, di palpiti, di emozioni, di entusiasmi, di speranze, di innamoramenti, di fede!
Incantami dei Poveri che non accondiscendono alla scalpitante bramosia di diventare ricchi! Guariscimi dal vezzo di contestare alla Chiesa quelle ricchezze che invece vorrei per la mia casa!
Incàntami dei ricchi di cose che si sentono non possessori ma depositari in prestito di tutto quello che hanno, amministratori sapienti non per sè ma per i disoccupati!
Incàntami del Povero e del ricco che si sentono davvero Ricchi per il dono della vita, per il dono della fede, per il dono dell'Amore di chi li ama, per il dono della Speranza nella vita eterna.
Home | Pref. | A | B | C | D | E | F | G | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z | Mappa generale del sito
www.personalismo.it  per segnalazioni postmaster@personalismo.it
Torna ai contenuti | Torna al menu