Il diritto naturale e la norma personalistica - 25 parole per un linguaggio etico e personale

postmaster@personalismo.it
25 parole "personali"
sulle orme di San Giovanni Paolo II .
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il diritto naturale e la norma personalistica

Diritto
L’etica cerca cosa sia buono o cattivo moralmente e perché; per mostrare le ragioni ultime di ogni dovere morale, la domanda è trasposta anche sulla verità o falsità e per le decisioni pratiche sul significato di giusto e non giusto.
Le norme morali possono essere colte fuori dall’ambito delle decisioni e della pratica. Riconoscendone il senso, vi si manifesta la verità teoretica del bene; essa è superiore alla categoria del giusto che è essenziale per ogni norma etica, mentre è subordinata la forma obbligante assunta nel giusto dovere.
Per San Tommaso il giudizio della coscienza trasferisce il principio dell’essere buono e dell’agire bene nell’accettazione e approvazione interiore della verità sul bene (o male); sono le decisioni e determinazioni originali della volontà che concretizzano la norma.
L’etica intende conoscere il valore dei comportamenti e giustificare le norme conformi al principio morale dell’essere buono come uomo e dell’agire bene, che non è di ordine pratico per l’uomo, ma normativo nel diritto naturale.
 
www.personalismo.it -  email: postmaster@personalismo.it
Torna ai contenuti | Torna al menu